L'americana Schecter è uno dei pochi costruttori rimasti la cui direzione è formata da musicisti, dirigenti d'azienda che continuano a tenere il contatto con gli strumenti che producono e vendono, destinate a calcare i palchi e a registrare dischi prodotti da musicisti che rimandano i loro importanti feedback all'azienda, che continua così a migliorare la sua produzione. A capo dell'azienda che da quarant'anni è diventata un punto di riferimento per migliaia di musicisti in tutto il mondo, c'è un combattivo gruppo di musicisti attivi nella scena californiana, a partire proprio dal suo presidente Michael Ciravolo, fresco di pubblicazione di “Beauty in Chaos”, disco che vede la partecipazione di alcune leggende del rock. È inevitabile che tutte queste esperienze confluiscano in strumenti sempre più focalizzati alla performance e in linea con i gusti estetici e musicali del momento. È quanto risulta evidente anche dalla ricchissima line up 2019 di casa Schecter appena presentata e che andiamo a descrivere. Il “C Shape” della casa californiana caratterizza i due modelli presentati al grande pubblico a fine 2018, ma esposte per la prima volta al NAMM Show appena concluso: C-6 PRO e C-1 Platinum. La C-6 PRO, con struttura bolt-on, ponte fisso o Floyd Rose, top burl e contour del body da colpo al cuore, è una chitarra estremamente versatile e con caratteristiche estetiche/tecniche di alto livello.
Finiture satinate e semitrasparenti, che lasciano intravedere la figura del top carved invece, per la C-1 Platinum, chitarra con manico incollato e doppio humbucker, dall'estetica più tradizionale e curve sensuali.
La serie SLS Elite, new entry dell'anno passato, ha struttura neck thru, pick up Fishman e hardware di livello, indossa una mise gotica e solenne per i nuovi modelli della serie Evil Twin, con tanto di numeri romani come segna tasti e un'estetica minimale e sinistra.
Esteticamente affascinante la nuovissima Serie Reaper (foto centrale), caratterizzata da un top bevel-burled, finito con leggere colorazioni sunburst semitrasparenti. Si tratta di strumenti che offrono il massimo in termini di liuteria, hardware e performance. Le configurazioni sono molteplici: dalla 6 corde ponte fisso alla 7 corde Multiscale, passando per quella con Floyd Rose e Sustainiac.
Sempre splendidi i modelli Schecter Custom Shop usciti lo scorso anno, dedicati a Nick Johnston e Keith Merrow, e dotati di finiture e dettagli tecnici d'avanguardia. Il 2019 vedrà questi modelli finalmente disponibili nella serie Diamond di Schecter. È già in produzione la Traditional nella colorazione Atomic Green, con manico in acero roasted e tastiera in ebano, perfetta replica della Nick Johnston Signature prodotta negli USA.
Un discorso a parte merita la nuova KM Mk III, firmata dal grande Keith Merrow, che sarà disponibile in due differenti versioni, accomunate dall'estetica raffinatissima: la Serie Standard (disponibile nella sola versione 7 corde visibile nella foto in basso) vede un robusto manico in acero, avvitato a un corpo in mogano con top in acero figurato, con hardware ed elettronica completamente firmata Schecter. Disponibili in 6 e 7 corde le chitarre della Serie Artist. Struttura neck thru con legni eccellenti, hardware Hipshot di ultimissima generazione ed elettronica Fishman creata su specifiche dell'artista, chiudono il cerchio su uno strumento da provare.