Da più di mezzo secolo, Takamine si dedica all'arte della costruzione di chitarre con cura artigianale.
La tradizione, fortemente orientata alla continua ricerca di caratteristiche innovative e i continui miglioramenti, pongono quest’azienda ai vertici della produzione mondiale di chitarre acustiche, con caratteristiche di accuratezza costruttiva che collocano gli strumenti Takamine tra i preferiti dai migliori performer internazionali: Bruce Springsteen, Bob Dylan, Jon Bon Jovi, David Gilmour, Avril Lavigne, Travis, Michael Jones, Bruno Mars, Alain Souchon, Francis Cabrel, Jean-Jacques Goldman, Danny Jones, Tom Fletcher, Boris Jardel, Meredith Brooks, Julia Nunes, Richard Kruspe, Linkin Park, Igor Presnjakov, Goran Kuzminac, tanto per citarne alcuni.
Tutto questo ha origine nel 1959 in un piccolo laboratorio artigianale, a conduzione familiare, situato ai piedi del monte Takamine, nella città di Sakashita situata al centro dell’Impero del Sol Levante (in giapponese takamine, in Italiano  "alta cresta" o "alto picco"). Da qui prende il nome, nel 1962, la neonata impresa che, dopo un lungo percorso coronato da grandi successi, è diventata oggi la Takamine.

Riassumendo le tappe di Takamine nel corso degli anni:
- 1959 Nel piccolo laboratorio di liuteria a conduzione familiare, che sarebbe poi diventata l'azienda Takamine è fondata nella città di Sakashita, ai piedi del Monte Takamine nel Giappone centrale.

- 1962 La chitarra, come strumento, acquista grande popolarità in Giappone, la ex piccola azienda artigianale diventa Takamine Gakki Ltd. Prendendo il nome dalla montagna che la sovrasta.
- 1968 L'azienda cresce, conta ormai 60 dipendenti e diventa un leader nella costruzione di chitarre classiche e mandolini. Si unisce a Takamine il liutaio Messa Hirade, con il suo arrivo vengono introdotte numerose migliorie di progettazione e produzione. In onore dei suoi contributi al miglioramento della qualità degli strumenti, l'azienda aggiunge il nome di Hirade a molti dei suoi modelli di chitarra classica.
- 1975 Messa Hirade è nominato presidente di Takamine. Parte il nuovo progetto per proporre gli strumenti Takamine ad un pubblico molto più ampio. Le chitarre Takamine diventano presto disponibile in tutto il mondo.
- 1978 La realizzazione del pickup sotto-sella Palathetic™ rivoluziona i sistemi di amplificazione delle chitarre acustiche. 1979 Takamine presenta il suo primo modello acustico-elettrificato, PT-007.
- 1986 Nasce la prima chitarra serie "Natural".
- 1987 Takamine celebra il suo 25° anniversario con l'introduzione del suo primo modello di chitarra Limited Edition, la EF25. A partire da ora, ogni anno Takamine produrrà una chitarra in edizione limitata.
- 1988 presentazione dell’EQ parametrico Takamine (TP-preamp, poi riprogettato come AAP- preamp).
- 1989 Viene sviluppato un innovativo porta batteria esterno, oltre ai i sistemi preamp-package sostituibili.
- 1990 vede la luce il modello Wariner signature.
- 1994 Takamine per prima utilizza la tecnologia laser per gli intarsi, raggiungendo accuratezza e complessità grafica mai viste prima.
- 1995 E’ introdotto il modello Garth Brooks signature.
- 1999 La lavorazione di precisione dei manici diventa completamente automatizzata. Un’altra chitarra signature, la John Jorgenson, entra a far parte del catalogo.
2004 Debutto della prima chitarra elettro-acustica con preamplificatore valvolare a bordo, il CTP-1 Cool Tube®, abbinato al pick-up Tri-ax "add-on".
- 2005 Takamine inaugura nuovo Head-Quarter e stabilimento principale nella città di Sakashita storica sede Giapponese. Negli Stati Uniti, la Grand Ole Opry di Nashville commissiona a Takamine il progetto della chitarra commemorativa per il suo 80° anniversario.
- 2007 Takamine presenta la chitarra 45° annivesary limited edition.
- 2008 E’ la volta del modello Kenny Chesney signature. 2009 Esce Il modello Glen Frey ennesima signature .
- 2012 Takamine celebra il suo 50° anniversario, con l’introduzione della chitarra Toby Keith signature.
- 2016 Takamine presenta la nuova chitarra DECOY Limited 2016, eccezionale espressione della sua cinquantennale tecnica artigianale. L’intarsio sulla tastiera rappresenta la nota tecnica di pesca “Tomozuri” usata per catturare il selvaggio pesce AYU altrimenti noto come “watermelon fish” (pesce anguria) frutto di cui ricorda il dolce gusto. Particolare della Takamine Limited 2016 sono top e bottom bombati oltre al bellissimo acero marezzato con finitura green-blue burst.